Quando vai a fare shopping nei negozi ti trovi giocoforza ad avere a che fare con le commesse. Possono essere valide alleate oppure veri fastidi. Ecco i pro e contro e come gestire il rapporto.

Shopping nei negozi con le commesse

In genere quando entri in un negozio la commessa ti accoglie salutandoti e poi ti chiede gentilmente se hai bisogno di aiuto. Generalmente, se cerco qualcosa di particolare e sto andando a colpo sicuro rispondo di sì.

Dico a cosa ero interessata (ad esempio un capo che ho visto in vetrina oppure qualcosa di cui ho bisogno) e me lo faccio mostrare. Poi passo al camerino e alla prova.

Mi guardo allo specchio con aria critica per vedere se mi sta bene. A questo punto la commessa in genere interviene. La maggior parte di loro afferma sempre:

“le sta benissimo!”

sia che sia vero oppure no. La vendita è ciò a cui sono interessate e ciò non mi renda tanto contenta. Non so se ti è mai capitato, ma a volte provo qualcosa che sul manichino sta benissimo e addosso a me proprio per niente. Lei dice comunque che mi sta bene.

Se succede perdo la fiducia in lei e so che non posso fidarmi.

Preferisco di gran lungo un commento sincero. Anche perché se poi porto l’acquisto a casa, mi guardo allo specchio e proprio non mi piaccio, lei ha perso una cliente rendendomi scontenta.

Sono convinta che un acquisto che rende soddisfatte ci faccia tornare nello stesso negozio e che contribuisca a instaurare con il suo personale, le commesse, un rapporto di fiducia che secondo me rende il cliente “duraturo“.

outfit black and pinkI consigli delle commesse

Quando hai a che fare con una commessa dovresti prima di tutto renderti conto se è interessata a venderti qualcosa che ti stia bene o solo a vendere qualcosa. Nel secondo caso non darle retta!

Nel primo invece sì e se ti propone qualcosa almeno provalo.

Di solito le commesse hanno una buona esperienza e sanno indicare alle persone i capi che stanno loro meglio. Una commessa che si impegna per capire i tuoi gusti e poi ti propone capi che li incontrano è davvero interessata a soddisfare te.

Non il bisogno di vendere. C’è una gran differenza, giusto?

Una commessa potrebbe venderti anche mille euro di merce se capisce i tuoi gusti e di cosa hai bisogno! Molto di più di una che ti appioppa qualcosa che ti piace poco.

Dato che lo shopping è un’attività prettamente femminile, mi sono trovata a interagire con entrambe le tipologie di commessa e decisamente preferisco quella che ti consiglia con educazione, che ti propone senza insistere, che sorride e si mostra disponibile all’occorrenza.

E le tue esperienze come sono state?

Ti è piaciuto questo articolo sullo Shopping nei Negozi?

Lasciami il tuo like e commenta. Segui Il Blog di Alice su Facebook e Google+, Pinterest, InstragramTwitter.

Per qualsiasi informazione, curiosità e richiesta scrivimi in redazione (scriviallaredazione@gmail.com) ti risponderò nel più breve tempo possibile.

P.S.

Leggi le mie avventure, scarica il romanzo in formato ebook da qui: Le disavventure di Alice. Leggilo d’un fiato perché tra poco uscirà il seguito.

Author

Marina Galatioto, scrittrice, giornalista, blogger e sceneggiatrice ha inventato il personaggio di Alice creandogli attorno un ambiente semi serio e semi vero. La Mainini è esistita davvero, così come le collezioni Mainini. Le disavventure di Alice, acquistabili su Kobo, Amazon e altri store,hanno dato il via ad eventi a catena e parte del romanzo sta diventando realtà!!

Write A Comment