La Milano Fashion Week si è conclusa da alcuni giorni e si possono tirare le somme di un evento così importante, non tanto per la città, quanto per la moda italiana. Vecchi e nuovi nomi per il rilancio del fashion italiano, che secondo alcuni è in crisi.

Le critiche alla Milano Fashion Week

Sono più rivolte alla moda in generale che non alla manifestazione in sé. Alcuni esperti e critici sostengono che gli stilisti iniziano a copiarsi troppo l’un l’altro o a copiare stili, dando così vita a sfilate e collezioni sempre più simili tra loro.

A parte ciò che sostengo da sempre, e che ora inizia ad essere sostenuto anche da critici della moda, gli stilisti sono più interessati ad “apparire”, a creare lo spettacolo della sfilata, piuttosto che a creare qualcosa che possa veramente essere indossato.

Secondo me tendono ad una moda che di pratico non ha proprio nulla. Purtroppo. Moda che una donna comune, o meglio, con una vita normale di qualunque genere, non potrebbe mai indossare, ma avrò tempo per mostrarvi cosa intendo.

I numero della Milano Fashion Week

Oltre cinquanta milioni di euro per una spesa media, a visitatore, di quasi 2.000 Euro. Settantuno le sfilate organizzate con tre nuove entrate (new entry):

  • Ricostru
  • Wunderkind
  • Giamba.

Altre curiosità della Milano Fashion Week

Tod’s ha sfilato senza avere un creative director. Non ne ha ancora trovato uno dopo l’uscita di scena di Alessandra Facchinetti. Ferragamo, invece, ha presentato il suo nuovo stilita: Fulvio Rigoni.

Moschino, per la sfilata, ha utilizzato 200 bambole mentre Dolce e Gabbana hanno organizzato una mega cena per quattrocento persone all’aperto, dislocando i tavoli in Via Montenapoleone.

Moltissimi brand hanno utilizzato i Social, soprattutto Instagram e Twitter, ottenendo grandi numeri in quanto a commenti, cuori e retweet. Segno che le persone sono molto attive su questi canali.

Abbastanza capibile visto che entrambi si basano molto sulle fotografie e durante la settimana della moda sono proprio le foto, e i video, a darci l’idea di quale sarà la moda per le prossime primavera/estate 2017.

Nei prossimi articoli ci concentreremo su qualche stilista in particolare e sulle sfilate per presentare la moda per la prossima estate.

Sotto una infografica a cura di Stylight con tutti i dati della settimana. Per chi non lo sapesse la Milano Fasion Week fa è una delle famose quattro settimane della Moda. Le altre si svolgono a Londra, Parigi e New York.

stylight Milano Fashion Week

Ti è stato utile questo articolo sulla Milano Fashion Week? diventa fan della pagina su FacebookGoogle+. Segui le bacheche su Pinterest, Instagram e i tweet su Twitter.

Condividi anche gli articoli con le amiche, grazie di cuore!

Alice

Per qualsiasi informazione, curiosità e richiesta scrivimi in redazione (scriviallaredazione@gmail.com) ti risponderò nel più breve tempo possibile.

P.S.

Leggi le mie avventure, scarica il romanzo in formato ebook da qui: Le disavventure di Alice. Leggilo d’un fiato perché tra poco uscirà il seguito.

Author

Marina Galatioto, scrittrice, giornalista, blogger e sceneggiatrice ha inventato il personaggio di Alice creandogli attorno un ambiente semi serio e semi vero. La Mainini è esistita davvero, così come le collezioni Mainini. Le disavventure di Alice, acquistabili su Kobo, Amazon e altri store,hanno dato il via ad eventi a catena e parte del romanzo sta diventando realtà!!

Write A Comment