Eccomi qui di nuovo a parlarti di Guardaroba. Stavolta prendiamo in considerazione il piumino, alternativa al più classico cappotto e spesso anche più calda, soprattutto per le ragazze freddolose.

Come prima cosa, sai che mi piace andare a fondo delle cose e quindi, ho cercato nel mio meraviglioso libro ITEMS: Is Fashion Modern che ho acquistato al Moma di NY per trovare qualche informazione.

Storia del Piumino

È nato nel 1935 per un progetto dell’imprenditore americano Eddie Bauer che dopo essersi quasi assiderato durante una battuta di pesca nello stato di Washington, decise appunto di correre ai ripari.

Lo realizzò trapuntato a diamante, ossia con le cuciture, per fare in modo che l’imbottitura rimasse al suo posto. Fu poi registrato un anno dopo e divenne il capo ideale da indossare negli ambienti esterni con basse temperature. La sua invenzione però non era senza precedenti!

Ora non voglio tediarvi con la storia del piumino e saltiamo  a quando il visionario anglo-americano Charles James lo adatta per renderlo un capo fashion per la signora Oliver Burr Jennings nel 1937. Usando una tecnica assottiglia il volume del collo e delle braccia, lo rende più comodo e pratico. In pratica lo abbellisce dandogli delle forme e una “curvatura” sui fianchi in linea con lo stile Art Deco del periodo.

E l’anno successivo, descritto in Harper’s Bazar diventa il “nuovo e più delizioso e femminile giacchino da sera”.

Negli Cinquanta e Sessanta il piumino fa il suo ingresso nel jet set, per tutte quelle attività all’aperto. Case di moda europee di lusso, come Emilio Pucci, Christian Dior, ne fanno un capo pieno di fascino. E poi arriva Moncler, come non nominarlo? Si parla del 1954.

Insomma, giusto per spiegarvi che un piumino non è solamente un piumino, ma un capo che ha fatto la storia della moda!

La scelta del piumino

Quanti modelli ce ne sono? Quelli sportivi, utilizzati per lo sport, quelli femminili, quelli eleganti, quelli comodi, quelli stravaganti! C’è l’imbarazzo della scelta.

Forme e colori possono essere un punto di partenza per la scelta. Ad esempio ne volete uno che vi smagrisca? Oppure ne preferite uno gonfio? Lo volete con la cintura o senza? Lucido? Oppure Opaco?

E secondo me ancora più importante è la scelta: vera piuma o eco-piuma? Sono due cose ben diverse. La scelta molto personale.

Sulla scelta del piumino sto molto attenta, in genere non amo quei modelli che ingrossano troppo, forse per via dei miei chili in più, così prediligo modelli un po’ sciancrati sui fianchi, che sottolineano leggermente il punto vita. Evito però le cinture che secondo me sono invece perfette sulle magre.

Ecco tre piumini che mi piacciono particolarmente.

Il mio preferito è il primo, un bel colore accesso e lucido, molto alla moda ed elegante. Perfetto anche per le serate. La mia seconda scelta nel mezzo. Anche questo elegante, ma candido come la neve e con il cappuccio staccabile.

Trovo che siano tre modelli molto versatili, i primi due però li definirei più tendenti all’elegante e quindi perfetti anche con outfit da serata. Il terzo, invece, l’ho scelto perché ha più un connotato casual/sportivo perfetto le uscite con gli amici, i jeans.

Secondo me la differenza la fanno le tasche esterne, non credi?

Ad ogni modo su Esprit trovi tantissimi altri modelli di piumini fino alla taglia XXL, e visto che spesso parlo di ragazze curvy, questa è una buona opportunità per le morbide!

Infine, per concludere questo articolo sui piumini, qui trovi anche le borse alla moda cui abbinarli.

Ti è stato utile questo articolo?

Lasciami un commento e condividilo con le amiche, mi aiuterai a farmi conoscere e a far conoscere Esprit!

Segui Il Blog di Alice su Facebook e Google+PinterestInstragram Twitter. MI trovi anche su Tumblr. Se ti piacciono i miei articoli condividili con le amiche.

Per qualsiasi informazione, curiosità e richiesta scrivimi in redazione  (scriviallaredazione@gmail.com) ti risponderò nel più breve tempo possibile.

Stay Tuned con Alice acquistando i romanzi con le mie disavventure! Li trovi a questo link. C’è anche la guida agli outfit che abbiamo preparato.

 

Author

Marina Galatioto, scrittrice, giornalista, blogger e sceneggiatrice ha inventato il personaggio di Alice creandogli attorno un ambiente semi serio e semi vero. La Mainini è esistita davvero, così come le collezioni Mainini. Le disavventure di Alice, acquistabili su Kobo, Amazon e altri store,hanno dato il via ad eventi a catena e parte del romanzo sta diventando realtà!!

4 Comments

  1. Interessante articolo il piumino dipende dal outfit io lo preferisco nero adattabile un po a tutti

  2. maria boiano Reply

    il piumino in inverno è l’ideale, a me piace davvero tanto e i modelli presentati da te solo bellissimi.

  3. Ci sono così tanti modelli di piumini che non si possono comprare tutti! I miei preferiti però sono quelli senza cintura, che non segnano in vita!

Write A Comment