Depressione post appuntamentum… lo so, lo so, questa definizione non esiste, ma l’ho inventata! Sono appena rientrata a casa dopo un appuntamento con … l’amore!

Ma quale amore? Una mia amica mi ha organizzato un appuntamento al buio con un suo amico di vecchia data da poco rientrato dall’estero. Per me poteva anche rimanerci! Non ho detto niente per non offendere la mia amica che, così carinamente, si è data da fare per trovarmi uno straccio di uomo con cui uscire.

Non l’avessi mai fatto. Mi sono annoiata terribilmente per tutta la sera e ho dovuto trattenere sbadigli per non fare la figura della maleducata. Un uomo più egocentrico non poteva presentarmelo! Per fortuna che, in un attimo in cui io e Marisa (la mia amica), ci siamo defilate in bagno lei ha avuto l’onestà di dire che non se lo ricordava così pedante/pesante!

Forse è per questo che, nonostante sia un buon partito, dal punto di vista esclusivamente economico, perchè fisicamente a mio avviso è appena passabile, non ha ancora una donna accanto. Va beh, io sono proprio l’ultima a poter giudicare perchè sul filo dei trenta nemmeno io ho un uomo. Però questi pensieri mi fanno venire la depressione!

Certo che rispetto ad Alessio ho un vantaggio… nooo, non la bellezza, l’età! Lui ha superato da qualche anno la quarantina. Ho oltre dieci anni per arrivare alla sua e tempo di accasarmi nel frattempo. Lo spero! Ci sono giorni in cui la mia condizione di single mi sta a pennello, altri in cui la trovo stretta.

Devo ancora decidermi. Forse. O forse cerco di adattarmi visto che tutti gli uomini su cui poso gli occhi o sono già impegnati o non mi filano di striscio oppure quando mi invitato e ci esco scopre che sono delle platesse nemmeno impanate. Piuttosto insipide e senza sale oltre mollicce se cotte al vapore.

Depressione post appuntamentum quindi per questa serata infra settimanale… ora me ne vado a letto dopo una bella doccia per lavare via la svogliatezza e questa sensazione di depressione, poi mi infilo sotto le coperte… la verità? Ogni tanto non posso fare a meno di pensare a Luca Moroni, ma proprio non lo capisco quell’uomo e poi c’è Claudia…

stendiamo un velo, mettiamoci una pietra sopra, affoghiamolo.. il pensiero molesto intendo! Vado, domani si lavora!

buonanotte …

 

ps… l’unica nota positiva? Almeno vi posso raccontare delle mie disavventure!

Potete trovarle anche su amazon.

 

photo credits | copertinedvd


Author

Marina Galatioto, scrittrice, giornalista, blogger e sceneggiatrice ha inventato il personaggio di Alice creandogli attorno un ambiente semi serio e semi vero. La Mainini è esistita davvero, così come le collezioni Mainini. Le disavventure di Alice, acquistabili su Kobo, Amazon e altri store,hanno dato il via ad eventi a catena e parte del romanzo sta diventando realtà!!

Write A Comment